Illuminazione da bagno: quanta importanza darle?

Quanto hai pensato nell’illuminazione del tuo bagno ? Mentre spesso riflettiamo su quale suite del bagno e piastrelle vogliamo, di solito non interroghiamo troppo la nostra illuminazione.

Tuttavia, ottenere la giusta illuminazione è una parte vitale della ristrutturazione di un bagno. Raggiungere il bagliore perfetto può trasformare il tuo spazio da squallido a delizioso in un semplice tocco di un interruttore. Per scegliere una luce per il bagno, ci sono tre cose principali che devi sapere:

  • Quali norme di sicurezza devi seguire
  • Come utilizzerai l’illuminazione nel tuo bagno
  • Di quale stile di illuminazione avrai bisogno

Come scelgo una luce del bagno? Stabilisci il tuo regolamento di illuminazione

La cosa più importante da considerare quando si sceglie la luce del bagno è se sono sicuri da usare. L’illuminazione del bagno ha esigenze particolari da tenere a mente – ovviamente, sappiamo tutti che l’acqua e l’elettricità non sono un buon mix!

Per aiutarti a capire quali luci puoi usare in un bagno, a ogni apparecchio viene assegnato un punteggio IP . Queste classificazioni sono utilizzate in tutto il mondo e si riferiscono alla misura in cui gli apparecchi di illuminazione impediscono all’acqua di penetrare al loro interno.

Quando scegli la luce del tuo bagno, devi assicurarti di scegliere la classificazione IP corretta per la zona del bagno in cui la posizionerai.

Acquista tutte le luci del bagno: quali sono le zone di illuminazione del bagno?

Oltre alle classificazioni IP, devi anche conoscere le zone del tuo bagno per scegliere la tua illuminazione. I bagni sono suddivisi in 4 zone in base alla quantità di acqua presente.

Ecco una guida rapida a quale classificazione IP è richiesta per le luci del bagno e le loro zone:

  • Zona 0 : si riferisce alle luci che saranno completamente immerse in acqua, ad esempio all’interno di una vasca da bagno o di un pavimento di vetro. Per queste luci avrai bisogno di IP67.
  • Zona 1 : queste saranno le luci che posizionerai direttamente sulla tua vasca o doccia. Si consiglia una classificazione IP67.
  • Zona 2 : questo è probabilmente il requisito di illuminazione del bagno più comune per i bagni domestici. Di solito copre i perimetri dell’area della tua zona 1, oltre al raggio del lavandino. Ciò richiederà un’illuminazione IP44.
  • Zona 3 : ovunque al di fuori delle zone sopra le quali non verrà utilizzata acqua a getto è classificata come zona 3. Non è necessaria alcuna illuminazione speciale in questa zona del bagno, sebbene sia raccomandato un minimo di IP20.

Come utilizzerai l’illuminazione del tuo bagno?

Una volta che sai quale zona e classificazione IP hai bisogno per l’illuminazione del tuo bagno, il tuo prossimo passo è avere un’idea di ciò per cui la utilizzerai.

Ci sono due opzioni principali tra cui scegliere, ognuna con un effetto drastico sull’aspetto e la sensazione del tuo bagno:

  • Applique da bagno

Le lampade da parete danno un bagliore più ambientale, e di solito non sono la sola fonte di luce – usale invece per accentuare aree particolari. Meglio usato intorno agli specchi per una luce di vanità. Montare le lampade da parete all’altezza degli occhi anziché sopra uno specchio per prevenire le ombre. La bassa tensione è spesso preferita per un livello di luce più lusinghiero. Usa un dimmer per poter controllare la luminosità di cui hai bisogno. Se hai una nicchia scura nel tuo bagno, aggiungi una lampada da parete per dargli vita. Uno specchio da bagno a LED è una possibile alternativa

  • Plafoniere da bagno

Le plafoniere sono spesso la principale fonte di illuminazione in un bagno. Cerca di evitare di renderli troppo luminosi, poiché questo può sembrare duro – specialmente con le suite bianche!

Per bagni più grandi, posizionare i faretti verso i bordi della stanza anziché al centro per un migliore senso dello spazio. I faretti direzionali possono aiutarti ad accentuare diverse parti della stanza. Evitare di posizionare le plafoniere direttamente sopra il mobile : questo creerà ombre sul tuo viso. Collega la tua plafoniera all’aspiratore in modo che si accenda quando fai la doccia. K downlight possono essere utilizzati sopra la doccia, la vasca da bagno o il wetroom. Acquista plafoniere da bagno e vedrai che non rimarrà i affatto deluso.

Crea uno spettacolo e un gioco di luci

Infine, una volta che conosci i tuoi requisiti di sicurezza e hai deciso per cosa ti servono, puoi scegliere il tuo stile di illuminazione! L’illuminazione del tuo bagno può diventare una vera caratteristica, quindi non esitare a fare una dichiarazione!

Illuminazione a sospensione – Posso averla in bagno? Molte persone spesso si chiedono se puoi avere una lampada a sospensione in un bagno. La risposta è, purché abbia la classificazione IP corretta, quindi sì!

Le lampade a sospensione e gli stili di lampadari funzionano meglio nei bagni con soffitti alti per un ulteriore senso di lusso. Si trovano nella posizione migliore come caratteristica principale dell’illuminazione del tuo bagno, quindi pensa attentamente a dove lo inserirai e come funzionerà con qualsiasi altro apparecchio di illuminazione che hai.

Non dimenticare di chiederti se puoi avere i riflettori per il bagno?

Spesso viene anche chiesto se si possono avere faretti in un bagno. Ancora una volta, purché tu scelga la classificazione IP corretta per la tua zona bagno, sono un’ottima scelta!

I faretti da bagno sono spesso indicati anche come downlight. Mentre alcuni sono fissati al soffitto, altri sono montati ad angolo, quindi puoi regolarli per completare la tua stanza. Diffondere la luce in diverse direzioni come questa dà un’illuminazione più delicata, permettendoti di rilassarti più facilmente.

Informazioni su Alessia D'Anna
Giurista, amante della scrittura, alla continua ricerca di stimoli e di nuovi argomenti da approfondire