Spese domestiche: l’azienda paga per il tuo smartworking?

Arriva un punto in cui lavorare da casa cessa di essere una situazione temporanea. Sono trascorsi più di sei mesi dalla pandemia e molti di noi sono ancora curvi sui laptop sui tavoli della sala da pranzo. Le nostre sedie non sono della giusta altezza e setacciamo la stampante di casa alla ricerca di carta per prendere appunti. È ovvio che stiamo spendendo molti più soldi per l’elettricità.
Quindi, come possiamo ottenere un aiuto per le spese extra, soprattutto quando diventa sempre più chiaro che non molti di noi torneranno in ufficio quest’anno o forse mai? Un modo è chiedere al tuo capo uno stipendio per acquistare una scrivania e una sedia decenti, forniture per ufficio e sovvenzionare i costi delle utenze extra. Un altro è esaminare le leggi statali e federali sul lavoro per vedere se il tuo capo dovrebbe rimborsarti.

Le spese dei lavoratori

L’impiegato medio che lavora da casa pagherà un extra di 121 euro circa al mese sulle utenze, secondo il sito web di acquisti di finanza personale CreditCards.com. Alcuni di questi saranno compensati dai risparmi sui costi del pendolarismo (circa 33 al mese), pranzi nei ristoranti (circa 27 al mese) e il doppio latte senza grassi che hai preso mentre andavi in ​​ufficio, ma lavorando presso casa molto probabilmente ti costa

La questione è relativamente nuova. Prima della pandemia, lavorare da casa era considerato un vantaggio non disponibile per tutti i dipendenti. Con molti dipendenti che lo considerano un privilegio, non hanno spinto per un compenso aggiuntivo per coprire i costi delle utenze o per creare un ufficio a casa, dicono gli esperti sul posto di lavoro.

Il panorama è cambiato a marzo, quando molte persone sono state rimandate a casa per lavorare mentre la pandemia si diffondeva. Improvvisamente, lavorare da casa non è stata una scelta. E ora, molti lavoratori stanno iniziando a vedere quanto costa tenere accesa l’aria condizionata durante il giorno in cui di solito erano al lavoro.

In tempi normali, non più del 25% dei datori di lavoro paga le spese dell’ufficio domestico come Internet, mobili e telefoni cellulari, secondo la società di consulenza per il lavoro a distanza Global Workplace Analytics in California. Il presidente dell’azienda, Kate Lister, ha detto di sentire che più datori di lavoro inizieranno a sovvenzionare i costi del lavoro da casa.

L’approccio delle aziende

Le aziende si rendono conto che è più economico acquistare 100 sedie da ufficio ergonomiche piuttosto che pagare per la richiesta di risarcimento di un lavoratore e i dipendenti sono più produttivi quando possono replicare il desktop dell’ufficio con due monitor anziché solo i loro laptop, ha detto Lister. Alcune aziende stanno distribuendo stipendi fino a $ 1.000, ha detto, con una società che specifica che $ 300 devono essere destinati a una sedia ergonomica.

Soggetto sensibile

Ricordiamo che le aziende stanno riducendo le spese generali facendo lavorare i dipendenti a casa, risparmiando sui costi di riscaldamento e raffreddamento mentre i loro lavoratori aumentano l’aria condizionata a casa. Ma il finanziamento dei costi degli uffici domestici sembra essere un argomento delicato per alcune aziende a Houston. Ne ho contattati diversi e quasi tutti hanno rifiutato di commentare o semplicemente non hanno risposto.

Uno che ha risposto è stato NRG, uno dei più grandi generatori e venditori di elettricità in Texas. L’azienda ha fornito ai dipendenti il ​​ritiro dal marciapiede di apparecchiature IT come monitor, tastiere, docking station per laptop, auricolari e webcam. Secondo la portavoce di NRG Pat Hammond, i dipendenti sono stati anche autorizzati a spendere attrezzature come sedie da scrivania per assicurarsi che il loro spazio di lavoro a casa sia impostato nel modo più ergonomico possibile.

Molte aziende, tuttavia, non hanno deciso cosa fare perché non sanno quanto durerà la pandemia, ha detto Lister. In alcuni casi, non dipende dai datori di lavoro ciò che devono pagare. I regolatori federali del lavoro hanno recentemente pubblicato linee guida ai datori di lavoro secondo cui non possono richiedere ai lavoratori con salario orario di pagare le spese aziendali come laptop e monitor se ciò riduce il salario di un dipendente al di sotto del salario minimo. In Texas, sono 7,25 l’ora.

Ulteriori necessità

Per i dipendenti con una disabilità che impedisce loro di lavorare in loco a causa del coronavirus, i loro datori di lavoro devono pagare per alloggi, come l’accesso remoto ai sistemi informatici aziendali, che consentono loro di lavorare da casa.

Il coronavirus sta sollevando tutti i tipi di problemi che non abbiamo dovuto affrontare fino ad ora”, ha detto Larry Stuart, avvocato del lavoro a Houston e professore a contratto di gestione presso la Jones Graduate School of Business della Rice University.

Quindi che si fa? Una cosa che puoi fare è sollevare la questione con il tuo capo come ho fatto io quando ho detto che avevo bisogno di forniture per ufficio. Ha detto di ottenere ciò di cui hai bisogno e di spenderlo entro limiti ragionevoli

Informazioni su Alessia D'Anna
Giurista, amante della scrittura, alla continua ricerca di stimoli e di nuovi argomenti da approfondire