Mobili riciclati: come sostenere l’ambiente

Alcune persone sono ossessionate dai mobili. Altri a malapena notano che è lì. In un modo o nell’altro, fare scelte attente all’ambiente nell’arredamento della tua casa o ufficio può fare una grande differenza nel tuo impatto sul pianeta e sulla tua salute. Il moderno movimento per la sostenibilità ha attratto un numero così elevato di designer innovativi che è difficile sapere da dove cominciare.

Tra i prodotti e le marche che specifici facciamo menzione, non tutti saranno budget-friendly per tutti – a questo punto, un sacco di green design è ancora roba di specialità, e quindi piuttosto di fascia alta. Ma non preoccuparti. Ci sono sempre modi convenienti per diventare green. Continua a leggere per saperne di più sui modi migliori per diventare green con i tuoi mobili.

Legno sostenibile certificato

Sia che un mobile sia realizzato in legno, stoffa, metallo, plastica o qualsiasi altra cosa, ci sono opzioni ecologiche. Quando la gente delle caverne si rese conto che i massi non erano le cose più comode su cui sedersi, il legno era quasi certamente dove guardavano, quindi cominciamo da lì. Il mondo ha bisogno di più alberi, non di meno, quindi le pratiche che portano alla deforestazione non vanno bene. Gli alberi non solo assorbono l’anidride carbonica e producono ossigeno, mantengono fresca la superficie del pianeta, tengono insieme il suolo in modo che possa rimanere ricco e forniscono l’habitat che animali, insetti, uccelli e altre piante chiamano casa, non per menzionare che sostengono il sostentamento di molte persone.

In poche parole, non scherzare con gli alberi. Ci sono modi sostenibili per raccogliere il legno, tuttavia. Legno proveniente da foreste raccolte in modo sostenibile, fattorie sugli alberi raccolte in modo sostenibile, e il legno di recupero sono le fonti principali. Il Forest Stewardship Council (FSC) è un ottimo standard di certificazione che controlla la chiarezza e promuove buone condizioni di lavoro.

Mobili realizzati con materiali di recupero

Se il legno viene curato, e talvolta anche se non lo è, può durare molto, molto a lungo. Quindi non dovremmo essere in grado di fare buon uso di tutto il legno che è già là fuori? Molti designer la pensano così e lo stanno facendo. Il legno di recupero di solito proviene da vecchi mobili, case o altri oggetti costruiti che sono pronti per una reincarnazione amichevole, da legno difettoso o da scarti di una fabbrica che produce altre cose. Parte del legno di recupero proviene anche da tronchi che affondavano sul fondo dei fiumi mentre venivano galleggiati a valle della segheria, o dal fondo di bacini artificiali (controlla il pesce sega).

In entrambi i casi, i mobili realizzati con legno di recupero sono un ottimo esempio di efficienza delle risorse, ma di solito vengono forniti in tempi più brevi. Meglioa mcpra se il mobile presenta una Etichetta di certificazione del legno riscoperta da cercare.

I mobili in Bambù

Probabilmente avrai sentito a questo punto che il bambù non è affatto un albero, ma un’erba. Il bambù rappresenta una famiglia di erbe di dimensioni variabili da piccole a enormi e di colore dal verde lime alle strisce marrone. È incredibilmente in rapida crescita e versatile ed è diventato il materiale pubblicitario non ufficiale di progettisti e costruttori ambientali. Il bambù può essere schiacciato nel pavimento, modellato nei mobili, pressato nelle impiallacciature, tagliato per fare tapparelle o, ehi, puoi semplicemente costruire tutta la tua casa da esso. L’uso del bambù negli edifici può guadagnare punti LEED per architetti e costruttori se sono attenti a dove lo provengono.

La maggior parte del bambù proviene dalla Cina e viene coltivata con pochi o nessun pesticida. Poiché è in rapida crescita, è molto più facile mantenere sane foreste di bambù. Ciò significa anche che utilizza molta acqua, tuttavia, e la raccolta troppo veloce può esaurire la fertilità del suolo. Alcuni coltivatori usano pesticidi e altri input chimici, tuttavia, tienilo a mente. Un’altra cosa a cui fare attenzione è che i prodotti in bambù vengono assemblati insieme alla colla, che può contenere formaldeide, a seconda del fornitore. Il fatto è noiancora non so quanto siano verdi i mobili in bambù.

Metallo e plastica riciclata

Sempre più mobili vengono realizzati con plastica e metalli riciclati, come la Icon Chair in alluminio riciclato. I materiali riciclati richiedono meno lavorazioni e meno risorse e aiutano a supportare il mercato dei materiali riciclati. Le tecnologie migliorano sempre, il che significa che la plastica e i metalli riciclati aumentano sempre di qualità. Non si tratta solo di materiali, quindi ecco alcuni principi guida di base da tenere a mente quando si cerca un mobile.

Ci sono molte cose che affermano di essere riciclabili; è una parola insignificante e carica. Tutto è riciclabile se si è disposti a spendere i soldi per farlo; ecco perché i produttori di caffè in cialde stanno spendendo soldi per riprendersi i loro baccelli e trasformarli in sdraio e compost da giardino; fa stare bene le persone. Rendere le cose con materiali vergini e chiamarlo riciclabile è marketing, niente di più.

Ci sono eccezioni. Alcuni prodotti certificati ad esempop, possono essere facilmente smontati, ordinati nelle loro parti costitutive e riciclati al termine della loro vita utile.

È possibile iniziare con materiale vergine ma è progettato per essere riciclabile. Quando acquisti mobili, stai alla larga da “mostruosi ibridi”, pezzi che sono un inseparabile amalgama di materiali. Se non possono essere smontati, probabilmente è un segno che non possono essere riparati molto bene

Informazioni su Alessia D'Anna
Giurista, amante della scrittura, alla continua ricerca di stimoli e di nuovi argomenti da approfondire